NAPOLI – IL CAOS PROVOCATO DAI MERCATI RIONALI

0
705

di ANTONIO SPOSITO

È fuor di dubbio che i mercati rionali siano una importante risorsa economica e sociale, pertanto, andrebbero sostenuti e valorizzati, rettificando le evidenti disfunzioni.

Una di queste disfunzioni estremamente significativa è rappresentata dalle collocazioni delle aree mercatali predisposte dalle Municipalità del Comune di Napoli – alcune delle quali allestite su strade destinate al traffico automobilistico o su spazi riservati al parcheggio dei veicoli – rese più simili ai “suq” caotici che caratterizzano le città arabe piuttosto che ai mercati ordinati delle città europee. 

Tra i molteplici casi in questione vi è quello del mercato rionale di Chiaiano, collocato in Via Emilio Scaglione nello spazio adibito a parcheggio, al di sotto del tratto sopraelevato della Metropolitana prospiciente la stazione omonima.

Ci chiediamo come sia possibile che amministratori pubblici concedano autorizzazioni ad installare le bancarelle nell’area citata, già afflitta da traffico congestionato e sosta selvaggia – come gran parte di Napoli – arrecando ulteriori disagi agli abitanti del quartiere e ai cittadini che fruiscono della ”metro”, i quali costretti a girovagare per trovare parcheggio, intasano ancor di più le zone circostanti.

Secondo le normative vigenti, le attività mercatali plateatiche devono essere predisposte in aree dove non si arrechi intralcio e disturbo alla mobilità automobilistica, pedonale e alla quiete pubblica, le quali aree devono essere dotate di servizi igienici e attrezzature che garantiscano l’efficienza del mercato stesso, nonché la tutela di venditori e cittadini.

Di conseguenza, al fine di migliorare la vivibilità della zona, chiediamo alla 8° Municipalità Piscinola – Marianella – Chiaiano – Scampia – così come alle altre Municipalità per le aree mercatali di loro competenza – che il mercato tenuto in via Emilio Scaglione (Chiaiano) sia ricollocato in una ubicazione diversa da quella attuale.

 
Documentazione fotografica di Antonio Sposito
© Riproduzione riservata