VIDEOINTERVISTA AL ROCKER PINO SCOTTO

0
1574

di ANTONIO SPOSITO

Per i pochi che non lo conoscono, Pino Scotto è un musicista italiano di respiro internazionale, divenuto famoso soprattutto come vocalist e frontman dei Vanadium, Pulsar, Fire Trails, tutte band Hard Rock (o Heavy Metal che dir si voglia), e per la sua carriera solista. È anche conduttore televisivo, noto per la trasmissione “Database” andata in onda su Rock Tv piattaforma Sky. Dal 2017 “Rock Tv” è diventato anche il titolo del suo programma diffuso in streaming sul web e non più dalla piattaforma Sky.

Poiché “The Critical Society” è una testata multitematica di giornalismo sociologico e i nostri lettori sono, di conseguenza, variegati, per non incorrere in argomenti ricorrenti già ampiamente trattati da riviste di settore, la videointervista ha volutamente un respiro più ampio, meno specialistico. Un sintetico tentativo di far conoscere anche il Pino Scotto inusuale, uomo e cittadino del mondo, che si è intrattenuto a dissertare su temi quali l’epidemia di Coronavirus, la libertà, l’amore, le questioni sociali, il rapporto con il tempo, con il denaro, con la tecnologia, sulle mutazioni “genetiche della musica, sui mass-media, sulla politica e, infine, sulle sue origini napoletane mai rinnegate che rivendica con orgoglio.

Nonostante gli anni che passano, abbiamo trovato un Pino in grandissima forma, entusiasta come un ragazzino all’inizio della carriera, con una energia incredibile che traspare dalla videointervista e dal singolo Don’t waste your time di notevole significato esistenzialista, che ha fatto da apripista alla sua ultima produzione musicale dal titolo “Dog eat dog”, considerata dalla critica una delle migliori della sua carriera. Della serie “il meglio deve ancora venire”!!!

Personaggio mai banale, uomo autentico, che non ha paura del futuro, entrato con merito a far parte della storia del rock grazie al suo talento, un personaggio vero, diretto, che non le manda a dire. Lunga vita a Pino, il mondo ha drammaticamente bisogno di persone che hanno ancora utopie da urlare.   Pino Scotto music video